martedì 9 giugno 2015

6.21 - Perplessita'

Ricordo che quando avevamo iniziato questo percorso per la seconda volta mi chiedevo come sarebbe stato avere subito un bambino, senza doverlo aspettare anni, se lo avrei amato cosi' tanto come D, che lo abbiamo aspettato anni... davo quindi per scontato che un bimbo sarebbe arrivato subito, e invece siamo qui, gli anni passano, e siamo ancora in tre.
Nel mezzo di questa lunga attesa, la mia gine ha avuto l'idea di chiedermi come mai non mi vede mai incinta (ha detto proprio cosi), io le ho esposto brevemente i fatti e lei mi ha consigliato di farmi dare un secondo parere, prima che sia troppo tardi (ha detto proprio cosi). Io sinceramente non stavo piu' pensando a quella possibilita', ma lei mi ha messo la pulce nell'orecchio... e siccome un secondo parere non costa niente (a parte il costo della visita), alla fine siamo andati da questa dottoressa, da lei consigliata.

La dottoressa mi e' piaciuta molto, mi ha detto cose molto interessanti, mi ha chiesto come stavo l'altra volta che mi avevano sparato tutti quegli ormoni (e mi avevano prelevato 39 follicoli) e mi ha fatto capire che lei me ne darebbe molti meno... Inutile stare qui a discutere i dettagli del suo piano (che cmq mi e' parso decisamente piu' "umano" di quello a cui mi sono sottoposta anni fa)... io sono entrata nel suo studio pensando "sicuramente non farei un altra in vitro" e sono uscita con lei che mi diceva "l'unica cosa e' fare un'altra in vitro". Non abbiamo ancora deciso cosa fare... sono passate 6 settimane dalla visita e non avendo ancora deciso nulla se ne deduce che non ho l'entusiasmo di fare qualcosa :-)

Non posso non pensare a come stavo l'altra volta (a prescindere dall'esito finale), al progesterone che mi stendeva esattamente un'ora dopo l'assunzione, al trascinarmi tra divano e letto, alle corse in ospedale, svenimenti ecc... e al fatto che ora c'e' D di cui occuparsi. Anche ipotizzando che le cose andassero splendidamente bene e io stessi bene durante tutta quella fase, la dottoressa mi ha detto due cose che prima non sapevo, cioe' che ho l'utero a forma di cuore e che ho probabilmente dei polipetti nell'utero (i secondi si possono togliere chirurgicamente, per il primo non si puo' fare nulla)... questi due fattori complicherebbero l'eventuale gravidanza, oltre al fatto che io ormai ho 36 anni e sempre piu' capelli bianchi.
Insomma, ho le mie perplessita' al riguardo.

Poi puo' darsi che una mattina mi sveglio e vado, eh, non lo escludiamo.... ma il piano A e' continuare a scrutare il cielo sperando che mi piova una bambina in braccio.

14 commenti:

Ilaria ha detto...

36 anni non mi sembrano molti e l'esperienza credo che sarebbe diversa, proprio per il percorso terapeutico, passami il termine, più blando. Forse, oltre alla presenza di D., un problema è il carico emotivo dell'aspettativa, che potrebbe venire delusa. La perplessità è grande amica dell'infertilità, cara.
Un bacione Sandra frollini, col primo account riesumato quando ero Ilaria.

Agnes P ha detto...

Tu hai sempre avuto questo concetto della mamma che "deve" essere giovane. Assolutamente comprensibile, le gravidanze dopo una certa età sono più medicalizzate, magari bisogna fare attenzione alla salute un po' di più, ma quante persone conosci che hanno avuto figli anche ben oltre quarantanni? Quante che hanno avuto il secondo figlio? Dal punto di vista medico sei ben lontana dal punto di non ritorno, ma è una scelta che in ultima analisi deve essere tua, perchè il corpo è tuo e perchè alla fine saresti tu a doverti occupare la maggiorparte del tempo di D con la pancia che cresce.
Capisco le tue perplessità, anche io sono restia all'idea di avere un'altra gravidanza. Però devo anche dire che ho sempre pensato che la stimolazione che ti hanno fatto all'epoca l'ho sempre considerata una follia.

Anonimo ha detto...

Non entro nel merito delle implicazioni fisiche e psicologiche del percorso medico.....ma io ho avuto mia figlia a 36 anni. E proprio tu di fronte ai miei dubbi sulla open adoption mi hai detto che sono ancora giovane. E domani sono 43. Ora tocca a me dirti che sei giovane, eccome se lo sei! Elena (e i suoi occhialoni neri tattici).

Sempre Mamma ha detto...

Io ormai ho 36 anni? Forse lo dici perchè il percorso potrebbe durare diversi anni e questo ti spaventa.
Io ho avuto Miciomao a 37 ed avevo più energie di quando invece è nato MrD a 22.
Io ti auguro che il prima possibile una bimba ti cada in braccio come tu desideri.

ha detto...

Cara Marica, io mi sento solo di abbracciarti.
Sono scelte totalmente personali e molto relative a quanto si sente e pensa.

Ho una persona a me molto vicina che è tua esatta coetanea e non pensa proprio di avere già 36 anni ma ancora e sta, credo - e mai chiederò!- stia ritentando per l'ennesima volta a diventare genitore, in parallelo - sempre credo e non chiederò - a un percorso di adozione, ma in Italia è molto dura...

Vi auguro tanta fortuna e vi mando infiniti abbracci

sfollicolatamente ha detto...

eh gia', come dice SandraIlaria, perplessita' e pma vanno di pari passo...mi sembra che per ora la tua decisione tu l'abbia presa..alla fine e' una faccenda cosi intima e viscerale, e sai tu cosa vuoi fare meglio di tutti.
Io pero'...ehmmm, magqari un tentativo mentre aspetti lo farei ;DD Ora sai anche che protocollo NON va bene per te, e quindi sei avvantaggiata rispetto all'altra volta. Poi sai come si dice, appena cominci con la pma, di sicuro ti arriva iol bimbo in adozione (basta rilassarci e non pensarci seeeh ssseh bhuauauuaua ;-)) no dai, davvero, potreste avere il match in qualsiasi momento, non perdere la speranza!!
Smuakkkkkk

Santarellina ha detto...

Secondo me se scegli di farlo, sarai molto più matura nell'affrontarlo della prima volta: con aspettative diverse, più esperienza e più difese psicologiche. Non so se si può decidere di mollare o è un percorso senza ritorno, ma ...peggio della prima volta non può andare, no? :)
A proposito: quando mi sono operata per togliere due polipi, prima di avere il primo figlio, la mia vicina di letto, 42 anni, operata subito prima di me, doveva togliere una specie di setto che rendeva il suo utero a forma di cuore. La gine contava così di riuscire a farle avere una gravidanza, cosa che avevano sempre escluso tutti... mi sono sempre chiesta se ha avuto successo!

ero Lucy ha detto...

Una nostra amica con l'utero a forma di cuore e' alla sua terza gravidanza :) e ricordi Mammacicova, aveva le tube chiuse ma e' rimasta incinta :O le cose di per se' non significano nulla. Concordo con Sandra e Sfolli sulle aspettative, sul carico emotivo puoi solo lavorarci in itinere. Ma sono sicura che qui ci sarebbe un aiuto anche da quel punto di vista.
E comunque sono diventata mamma a 40, eh :)
Bacioni

Anonimo ha detto...

Ciao :)
Sono contenta che tu sia tornata.
Sono venuta spesso a visitare questo blog, durante questi mesi.
Io ho quasi 35 anni ed ancora non ho figli. Sono felice per le generazioni future che potranno avere figli liberamente anche a 50 anni, senza doversi sentire anziani.
Non so quando diventero' mamma...ma la questione del sentirsi giovani o anziani, secondo me, e' solo nella nostra testa.
Non parlo sono in relazione alla maternita' ma in generale.
ti abbraccio con tanto affetto.
Pollon

SP Morelli ha detto...

Ciao ! Per utero a forma di cuore immagino che la dottoressa intenda utero bicorne ! Ce l
Ho anche io e non siamo in molte !! Comunque qualcosa si può fare ... Una "plastica" per "riunire" l utero .. io ho comunque portato a termine una gravidanza ( beh ho partorito all 8 mese) .. No. Niente ... Mi ha colpito l utero a cuore io l ho saputo solo dopo il cesareo prima nessuno se n'era mai accorto . Sabri

Mel. ha detto...

Spero per voi che la vostra bimba arrivi presto e che tu sia felice e faccia sempre quello che ti fa stare bene <3

Marica ha detto...

Sandra: grazie per il tuo commento... vero, il carico emotivo e' un fattore che ha tanto peso...

Agnes: .. gia' e' vero, molte donne affrontano la gravidanza oltre i 35 anni di eta', e se se la sentono fanno ovviamente bene... pero' per quanto riguarda me... non saprei.... e' anceh vero quello che dici tu, che ora la stimolazione sarebbe meno pesante... ma preferirei cmq avere in mano un bimbo gia' "confezionato" :-D

Elena: ma tu sei giovane :-)
non c'e' un'eta' per decidere quando e' possibile ancora e quando invece e' troppo tardi... ognuna si sente, decide, per se'....
pero' ecco anche se mi sento "oltre l'eta' limite" per una gravidanza, non mi sento vecchia invece per crescere un altro bambino :-)

sempremamma: grazie :-)

ci: grazie mille per l'abbraccio! :-)

sfolli: grazie anche a te cara :-)

santarellina: sai hai proprio ragione, peggio dell'altra volta non potrebbe andare :-D
togliere i polipi quindi ti ha aiutata?

ero Lucy: non so, forse anche perche' ultimamente sento racconti di gravidanze passate a letto e di parti con rischio di vita per la madre, non e' che mi sento proprio tranquilla, eh... :-)
per fortuna ci sono tante altre persone alle quali va tutto liscio :-)

Pollon: oh grazie che sei passata e grazie che sei tornata e grazie del commento :-)
e' vero, sentirsi giovani o anziani e' una questione di testa... io non e' che mi senta anziana (o forse si? :-P), ma sono consapevole che il mio apparato riproduttivo non e' certo in forma come lo era 10 anni fa (se mai sia stato in forma!)

Sabri: si, si puo' dire a cuore oppure cornuto.. preferisco la prima versione :-D
guarda, in questi anni ho fatto tante di quelle ecografie, ma nessuno se ne e' mai accorto.. questa dottoressa invece l'ha visto alla prima e unica eco... mah... si sara' evoluta la tecnologia? non saprei
cmq ora lo so :-)

mel: oh grazie!!!

Anonimo ha detto...

ciao marica, ti seguo ormai da tanti anni dopo averti scoperto per caso quando mia figlia ha fatto un lungo viaggio a san diego, mi sono affezionata a te e alla tua famiglia e sono preoccupata per questo lungo silenzio. come va? susi

Marica ha detto...

ciao susi, grazie... abbastanza bene dai, ora faccio un post veloce anche qui :-)

grazie cara!!!