lunedì 17 dicembre 2012

4.9 - Il terzo party di natale

I lettori piu' affezionati ricorderanno che ogni dicembre c'e' il party di natale dell'agenzia per l'adozione.
Il primo anno avevamo appena iniziato l'iter burocratico e guardavamo ammirati e fiduciosi gli altri con i bambini, e facevano domande a chi era piu' avanti rispetto a noi.
Il secondo anno avevamo appena adottato Little D, e cercavamo di infondere speranza ai nuovi arrivati.
E il terzo anno...

Speravo di incontrare gli Stallones, che avevamo conosciuto al party del primo anno, quando erano appena andati "on-line", e stavano 3 mesi "avanti" a noi. E poi li avevamo visti al party del secondo anno, con un bambino di 3 mesi piu' grande di Little D., ma non c'erano.
Spravo di incontrare Frank e Robert, la coppia omosessuale con la vicenda tutta travagliata, ma non c'erano.
Le lesbiche non c'erano, i Celestini e i Perfettini non c'erano... ma tante facce nuove, qualcuno appena arrivato, qualcun altro intravisto negli incontri post-adozione e ora con piccolissimi bambini al seguito.

C'era una coppia che era al secondo round: erano stati contattati dalla birthmom del primo figlio, la quale aveva detto che era di nuovo incinta, che voleva dare il bimbo in adozione, e che voleva darlo a loro... perfetto! Solo che la birthmom aveva usato cocaina per i 9 mesi della gravidanza, e ora gli adoptive parents stavano valutando bene cosa fare :-/.

C'era un'altra coppia che aveva adottato due bambini, avevano iniziato l'iter per il secondo quando il primo aveva fatto un anno, e la seconda volta ci avevano messo solo 5 mesi.

C'era una coppia con un bambino di due anni, che era appena andata on-line per adottare il secondo, e ci hanno detto che per il primo ci avevano messo 8 giorni :-/

Poi Guglielmina ci ha detto che gli Stallones hanno iniziato l'iter per il secondo round.

E tutti, ma dico tutti, ci hanno chiesto "are you ready for round two?"

E con questa domanda ce ne siamo tornati a casa.

martedì 11 dicembre 2012

4.8 - La seconda visita in Oregon

Siamo tornati su in Oregon per il compleanno di Little D.
La verita' e' che non c'e' poi molto da dire....
Si, siamo stati bene, e si pioveva :-/.
Come l'altra volta ci sono stati momenti in cui nessuno era libero per poterci incontrare, e altri momenti in cui tutti erano liberi per poterci incontrare (ma non contemporaneamente).
Ci sono stati giorni in cui Little D era stanchissimo perche' gli saltavano i riposini, ma nonostante questo si e' sempre comportato bene, meglio dell'altra volta!

Quello che mi preoccupa dei birthparents e' che hanno queste vite un po' in bilico oserei dire, il cui futuro sembra incerto, che potrebbe andare bene (e lo speriamo tutti), ma anche no.

I nonni ci hanno ringraziato tanto per la visita, e per come stiamo crescendo Little D.
Noi facciamo del nostro meglio.
La verita' e' che quando andiamo su lo facciamo in primis per Little D.
Perche' lui ora e' ancora piccolo e tante cose ancora non le capisce, ma arrivera' il giorno in cui ci fara' tante domande, in cui si chiedera' e ci chiedera' se e' stato sempre amato. E cosi' noi cerchiamo di costruire ricordi per lui (to build memories).
Peccato che la macchinetta fotografica si era rotta, e di memories ne ho costruite ben poche sta volta :-/.