domenica 20 marzo 2011

1.3 Tipi di adozione

In America e' possibile affrontare il percorso dell'adozione in diversi modi.

Il tipo di adozione forse piu' noto (almeno per noi italiani) e' l'adozione internazionale.
Nel 2009 negli USA sono stati adottati in questo modo 12.753 bambini, tra il primo e il quarto anno di eta', provenienti da Asia, Africa, America Latina ed Europa dell'Est. Questo tipo di adozione ci era pero' precluso, in quanto riservato solo ai cittadini americani, vale a dire: se non si e' cittadini americani non si puo' "importare" negli usa un bambino... la cosa puo' avere senso o meno, fatto sta che la legge e' cosi' e non si puo' cambiare.

L'alternativa e' l'adozione nazionale, che ci e' permessa in quanto Permanent Residents (alcuni dettagli su questo nel prossimo post).
L'adozione nazionale a sua volta puo' essere di due tipi.
Il primo tipo e' l'adozione tramite il foster care system: si tratta di bambini affidati allo stato o perche' orfani o perche' sottratti ai genitori dai servizi sociali o perche' abbandondati dagli stessi famigliari. I bambini affidati al foster care system negli USA sono circa 123.000, ed ogni anno ne vengono adottati circa 55.000 (altri 26.000 ne escono ogni anno perche' superano l'eta' limite). Questi bambini mediamente trascorrono 29 mesi nel foster care system passando attraverso tre famiglie temporanee prima di essere adottati in modo definitivo (mediamente all'eta' di nove anni e mezzo). Questo tipo di adozione e' molto veloce per le famiglie adottive (l'intero processo puo' durare pochi mesi) ed e' molto economico (circa 3.000 dollari, vale a dire il 10% del costo medio di un'adozione internazionale). Questi bambini spesso sono definiti con "special needs" perche' possono avere problemi fisici o mentali o psicologici, nella maggior parte dei casi dovuti al difficile percorso che hanno affrontato.

Il secondo tipo di adozione nazionale e' quella dei newborns, vale a dire bambini appena nati; mediamente negli USA vengono adottati in questo modo 30.000 bambini, l'intero processo dura circa 12 mesi.
Questo tipo di adozione puo' essere portato avanti tramite un'agenzia oppure in modo indipendente tramite un avvocato specializzato (dalle statistiche risulta che le percentuali dei due tipi sono proprio 50% e 50%). Nel caso in cui si sceglie un'agenzia i tempi sono leggermenti piu' lunghi ed il costo e' di circa 20-25.000 dollari, nel caso dell'avvocato i tempi rischiano di essere molto piu' brevi, con un costo che puo' arrivare ai 30.000 dollari. Oltre ai tempi e ai costi l'altra grande differenza e' che nel caso dell'agezia si hanno a disposizione assistenti sociali, psicologi, gruppi di supporto e quant'altro... nel caso dell'avvocato si mettono le firme necessarie ed e' tutto.
Il trend generale e' quello di fare le adozioni aperte: negli ultimi quindici anni la maggior parte delle adozioni sono state infatti di questo tipo, ma questa pratica e' iniziata ben piu' di venti anni fa (ho letto un libro sull'argomento che era del 1989 e parlava di adozioni aperte iniziate da 5-10 anni).
[in uno dei prossimi post sviluppero' in dettaglio come funziona l'open adoption, non vi preoccupate]

Escludendo l'adozione internazionale, abbiamo quindi avuto il nostro ben pensare su quale tipo di adozione nazionale affrontare. Non nascondo che ho avuto tanti sensi di colpa verso i bambini del foster care system, con un passato difficile, con una vita difficile, e per questo trattati come "bambini di serie B"... istintivamente preferivo adottare un newborn, ma mi chiedevo se cosi' facendo non fossi "classista"... fin quando, leggendo un libro ("You can adopt"), ho letto che nello scegliere quale bambino adottare non bisogna farsi guidare dai sensi di colpa o da questi sentimentalismi, che poi potrebbero far capolino a sorpresa avanti negli anni, con conseguenze spiacevoli per tutti... il bambino da adottare e' il bambino che si vuole veramente adottare!
Anche perche', detto sinceramente, non credo siamo in grado, ora come ora, di dare ad un bambino con special needs quello di cui ha bisogno...
Quindi abbiamo deciso per un newborn: un bambino appena nato da far crescere nella nostra famiglia, da formare con i nostri principi e con il nostro amore... in fondo un bambino in meno che andra' a finire nel foster care system :-(
Scegliere tra agenzia ed avvocato e' stato semplice: agenzia! Sicuramente abbiamo e avremo bisogno di una rete di supporto, di incontrare e parlare con altre famiglie come la nostra, avremo bisogno di consulenze e tutto... aspettare eventualmente qualche mese in piu' non ci e' sembrato un grosso problema.

[Nel prossimo post: la scelta dell'agenzia.]

7 commenti:

gaia ha detto...

Marica,
secondo me avete fatto un ragionamento correttissimo e i sensi di colpa non li dovresti nemmeno nominare. I genitori adottivi, così come quelli biologici, non sono eroi ma esseri umani con tutte le debolezze e i limiti di ogni essere umano, per cui più che giusto io ritengo sacrosanto anche nei confronti del bambino che abbiate tenuto in considerazione anche le vostre esigenze e difficoltà di genitori! Crescere il primo figlio è già abbastanza difficile di per sè, e secondo me un bimbo del foster care deve entrare in una famiglia già strutturata e "allenata" per poter crescere nel migliore dei modi.
Magari per voi potrebbe essere il prossimo, chi lo sa!! XD
Insomma sono felicissima per voi ed è bellissimo seguire la vostra storia, ho un sacco di curiosità!!
Ma sapete già più o meno quandò finirà tutto l'iter?
Non vedo l'ora per voi... che emozione!!
un grande abbraccio!

Marica ha detto...

Gaia: grazie per il tuo commento e per seguire la nostra storia :-)
Eh, no, non sappiamo ancora quando finira' l'iter... staremo a vedere!

Manu & Cla di Pocapaglia (CN) ha detto...

Marica

Anche da parte nostra tanta emozione e solidarietà verso questa vostra scelta. Nessun commento al tipo di soluzione che avete ritenuto opportuno sostenere ma soltanto tanto entusiasmo ed incoraggiamento. la scelta deve essere guidata solo dalla stella polare del vostro amore! Il vostro amore è una forza travolgente e vi aiuterà!Vi sentiamo particolarmente vicini. Damiano oggi ha due settimane.
Preparatevi a vivere un'esperienza fortissima probabilmente la più forte e bella mai sperimentata. Se vorrete condividere con noi le vostre difficoltà e fatiche sarà per noi una grande grazia! Così sarà bello sostenersi tra famiglie!

Sei stata anche brava a descrivere costi e tempi. E siamo proprio interessati ai prossimi post.

Grazie carissima!

manu & Cla di Pocapaglia (CN)
manuplasmati@tiscali.it

sfollicolatamente ha detto...

Anch'io ti appoggio su tutta la linea e avrei fatto le stesse identiche scelte, compresa quella di avvalersi si una rete di supporto!

Ma quindi in 12 mesi si fa tutto?! Con pupo newborn?! Ma e' una cosa stupenda!!! Qui in UK e anche in Italia pare ci vogliano anni e anni, e non credo che te li diano di meno di un anno. E questo fattori sono quelli che ci frenano..altrimenti gia' l'averemmo fatto...

Comunque sono proprio contenta per voi :-)))

Marica ha detto...

Manu: grazie davvero per tutto l'appoggio!! Prevedo che vi chiederemo consigli su diverse piccole cose.. speriamo a breve! :-)
Vi mando un abbraccio!

Sfollicolatamante: certo 12 mesi sono una media, in realta' ci sono famiglie che impiegano anche due anni... ma rispetto all'italia mi sembra cmq un tempo inferiore!! :-)

Barbara ha detto...

Ciao Marica, grazie per il commento al tuo blog... seguirò volentieri questo tuo nuovo diario, anche per me l'adozione era un tema che sentivo particolarmente mio, però mio marito la vede diversamente, lui si spaventa di fronte alle difficoltà della burocrazia italiana (come dargli torto? qui sembra tutto impossibile!)... ma chissà, magari un domani cambierà idea...
Un abbraccio
Barbara

Marica ha detto...

Brabara: grazie per seguirmi! :-)
Anche io mi spaventerei di fronte alla burocrazia italiana :-(